Majorana, nessuno, centomila

Tutto iniziò con il Duce. Lesse il fascicolo tutto d’un fiato, e afferrò la penna senza perdere neppure un secondo. Sulla prima pagina, quella che recava la fotografia e la data della scomparsa, scrisse poche parole, decise e vigorose. Voglio che si trovi. Benito Mussolini era pronto a dar fondo a tutte le risorse del Ministero degli Interni pur di ritrovarlo. Appose la sua firma … Continua a leggere Majorana, nessuno, centomila

DONNA HARAWAY: il racconto per sopravvivere su un pianeta in pericolo

Donna Haraway è una studiosa statunitense importantissima nel campo della scienza e della tecnologia. Più conosciuta dai profani per le teorie cyborg femministe che rivoluzionano il rapporto tra individuo, identità di genere e tecnologia. Col suo Cyborg Manifesto scuote l’intero pensiero occidentale dalle fondamenta ripensando al concetto di corpo e portandolo oltre i confini delle categorie binarie a cui siamo abituati a pensare. (Uomo/donna, naturale/artificiale, … Continua a leggere DONNA HARAWAY: il racconto per sopravvivere su un pianeta in pericolo

Il mio amico Holden

Sulla quarta di copertina de Gli anni di Annie Ernaux, uno dei libri che negli ultimi anni sono stati più in grado di fare breccia nel mio cuore, c’è una semplice domanda che tuttavia ben riassume l’intento dell’autrice nel cucire insieme le proprie riflessioni autobiografiche: “Come accade che il tempo che abbiamo vissuto diventa la nostra vita?” Mi trovo in seria difficoltà nel cercare una … Continua a leggere Il mio amico Holden

I dieci migliori libri sul dimenticare

L’ironia dei libri sul dimenticare sta nel fatto che, in realtà, siano spesso sul ricordare. L’assenza di memoria, o la fallibilità della stessa, è il seme da cui si genera una storia. L’eliminazione della memoria attraverso la forza, la volontà o il procedere del tempo spesso si trasforma in un racconto sulla sua riemersione. I ricordi non sono resoconti accurati né specchi per il passato. … Continua a leggere I dieci migliori libri sul dimenticare

Yu Hua – Il settimo giorno (第七天)

Un limbo tra “aldiquà” e “aldilà”: ecco come Yu Hua, scrittore contemporaneo cinese, decide di raccontare la Cina di oggi ne Il settimo giorno. Lasciato il mondo terreno, Yang Fei si ritrova nel “limbo” dei morti senza sepoltura, persone senza una tomba, dimenticate dai vivi. Nell’arco di sette giorni (in cinese 七 qi, omofono di 起 “sorgere” e 气 “essenza vitale”), Yang Fei ascolta le … Continua a leggere Yu Hua – Il settimo giorno (第七天)

Mantua me genuit

“Tityre, tu patulae recubans sub tegmine fagi silvestrem tenui Musam meditaris avena; nos patriae finis et dulcia linquimus arva, nos patriam fugimus; tu, Tityre, lentus in umbra formosam resonare doces Amaryllida silvas.” Così il pastore Melibeo si rivolge al fortunato Titiro, che ha conservato le terre e può oziosamente godere della pace del mondo dei campi. Lui, invece, deve abbandonarla, vittima innocente della confisca di … Continua a leggere Mantua me genuit