DAVANTI A UNA STRADA

15 Ottobre 2013

DAVANTI A UNA STRADA

 

Davanti a una strada

stretta e lunga con una

misteriosa curva

sbircio immobile

senza vedere altro

che nebbia.

 

Abbasso lo sguardo

sull’asfalto coperto dalla neve.

Essa è ricordo bianco perché ormai sbiadito,

freddo perché ancora forte.

 

Inizio il mio cammino

con un ciclamino[1] tra le mani

proteggendomi nei buchi neri

delle orme antiche.

 

Avanzando piano

noto le cose più da vicino:

la bottiglia vuota

di un assetato di speranza,

il fazzoletto macchiato

di un malato di delusione,

la seggiola priva del peso

di un amante della ragione.

Vorrei fermarmi a parlarle

ma temo che il guinzaglio del tempo

mi scivoli via dalle mani.

 

Mi fermo.

Le orme sono ovunque:

confuse, si incrociano e si allontanano,

corrono a nascondersi:

alcune a destra,

altre a sinistra,

molte sempre dritte,

troppe tornano indietro.

Ho perso l’odore dell’eucalipto[2].

 

 

Improvvisamente,

le mie pupille mi indicano una strada:

è uno stretto vicolo per topi[3],

è un lungo canale per velieri,

è un rigoglioso sentiero di piante d’alloro[4].

Poche sono le orme che l’hanno segnata.

 

Le luci dei suoi lampioni

mi folgorano,

una scarica d’incertezza

mi congela i muscoli.

Le ombre delle sue case

mi cullano,

una coperta di fortuna

mi scalda il cuore.

 

Ci provo.

 

Cammino veloce,

le fresche ambizioni appaiono

come scene di un film

sul grande telo bianco

che calpesto con passo da regista.

Ma la rumorosa marcia della realtà

interrompe la proiezione

e mi ritrovo sull’uscio

della confortevole sala del mio cinema.

 

I galleggianti neri sono affondati

in questo bianco mare.

Ora sono i battiti della mia bussola sanguigna

e le linee delle mie mappe a cinque dita

a tracciare la rotta.

 

E se un giorno dovessi voltarmi indietro,

vedrei cosmee[5] che danzano nel vento

e poi riposano su una strada coperta di neve.

Solcata da orme di antenati

e riempita di fiocchi di ricordi.

Bianca e senza sale

per essere dipinta e

per imparare a cadere e a rialzarsi.

 

Vola vicino alle orecchie

e soffia consigli ai passanti,

cade sulla fronte

e ispira le vite di tutti i viandanti.

 

 

Analisi:

Sinceramente credo fermamente nell’importanza della libera interpretazione dei testi, specialmente quelli poetici. Tuttavia trovo forse opportuno dare una basilare indicazione per la lettura: l’intero componimento è allegorico e si basa sull’immagine di un paesaggio innevato dove la neve è simbolo del passato con i suoi “buchi neri” e “galleggianti neri” a loro volta metafore delle orme di chi ci ha preceduto e che ci possono indicare una strada “sicura”. Ho concepito questa poesia grazie (o a causa) di una mia esperienza personale di indecisione di fronte a un’importante scelta della mia vita. Pertanto credo che essa vada intesa come la descrizione di un sentimento di indecisione e paura di sbagliare che si scontra con l’ambizione e la volontà di tentare e riuscire a realizzare un sogno, anzi, il sogno della mia vita.

 

[1] ciclamino: fiore che porta il significato di “timida speranza”.

[2] eucalipto: pianta che porta il significato di “protezione”.

[3] topi: animali estremamente intelligenti.

[4] alloro: pianta ricorrente nella simbologia letteraria, significa “gloria e successo”.

[5] cosmee: fiori che portano il significato di “gioia di amare e di vivere”.

 

GINEVRA GATTI

 

 

 

 

13082014-_DSC0792

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.