Il linguaggio segreto della comunità gay

tempo di lettura: 4 minuti Diciannovesimo secolo, Londra. Un uomo entra in un pub affolato. Si avvicina al banco, dove un altro uomo sta sorseggiando una pinta. Gli si siede accanto. “Bona vada”. Pronuncia le parole in tono sommesso, teso, interrogativo, vagamente indagatorio; lo sguardo non è rivolto al suo interlocutore ma a terra, come se si stesse rivolgendo a nessuno in particolare. L’altro lo … Continua a leggere Il linguaggio segreto della comunità gay