[ITA/ENG] Media, gender and sexuality in East Asia – Interview with Dr Jamie Coates

[clicca qui per la versione in italiano!]

Reading time: 5 minutes

On November 11th, Dr Jamie Coates, from the University of Sheffield, gave a lecture in Venice called “Contemporary Chinese Sex-plorations in Japan: media, mobility and gender in the Sino-Japanese contex” in an event organized by Ca’ Foscari GESSHIN student association. After the lecture, we interviewed him to know more about what does it mean to research gender and sexuality as an anthropologist.

Marco Zaupa: What are the challenges and the taboos that one might encounter when they approach studies on gender and sexuality? We know that these topics are often met by stifled laughter in non-academic environment…

Dr Jamie Coates: Yes, there are actually: I don’t think it’s so difficult now to be researching gender, but if you are researching sexuality and actually talking about sex then sometimes it can be a little uncomfortable and it’s still something that has to be tread very carefully. It’s particularly difficult as a cisgender man who is married to a woman, because a lot of the time people don’t expect someone like me in this field of research, and also because I’ve done research on pornography and it’s one of those things that is actually quite a taboo topic, still to be published and talked about. I have one paper that includes some pornographic imagery in it, because I was thinking about how porn celebrities differ to other kinds of celebrities and that it had to do with their body, and, to be honest, I feel that putting those images in there was perhaps not the best idea. So, there would be a lot of challenges about that.

Gender Studies, historically, was very much Women Studies, but luckily my professors before me really pushed the idea of critical masculinity studies as well, so that’s why you see a lot of my research engages with questions of what it means to be a man in East Asia today, as they said: “In order for us to really understand gender we need to be critical and engage with masculinity as much as femininity”. So, I think it used to be taboo and a challenge to talk about men but I don’t think it really is now, because of the work that other people have done.

Marco: A question that we often tackle in class is: “How can we look at Area Studies without being orientalist in our thought?” since Area Studies might be seen as orientalist in its very own essence, being about, for example, “What is different in Japan compared to Europe?”. What is your take on this? Are Area Studies a little orientalist in nature or is there more to them?

Dr Coates: I really like this book called “Asia as Method”, by Kuan-hsing Chen, where there is this idea that we can actually think about the conceptual and theoretical contribution of East Asian culture to how we think about the world more broadly.In my work as an anthropologist I often use emic terminology (that is, coming from the people or cultural context you are researching) and the terminology of East Asian thinkers, which I think has been the place where we actually get new conceptual insights. Sometimes it sounds orientalist at first glance but what I want to emphasize is that other people are theorizing: we need to look at the scholarship of other people, but we also need to look at the critical thinking that is going on among everyday people of the time.

For example, recently I wrote a paper on how we can rethink what “viral media” is, using the terminology of Chinese speakers when they talk about viral media. In particular, in Chinese, they tend to use heat metaphors more than viruses and rather than saying “Isn’t that weird and unique of China?” I say “How does that challenge the way we think about these things more broadly?”. So it’s not about putting East Asia in a box over there, as special and different, but rather saying that they are in a conversation with us that should be challenging the way we think about things. So, instead of saying “Oh, they don’t use viruses.” I say “Why do we use viruses? Isn’t that weird? Why would media be a virus?” and there is a history behind that, in Media theory.

I don’t know if we can actually avoid orientalism but I think we can try and make it work for us in order to create more connections and ideas. I think we need to admit that there’s always some kind of allure and orientalist tropes that come out of the difficulty with trying to understand other people, whether that’s the person in front of me at an interpersonal level or whether I’m imagining others in terms of a culture.

Marco: We have seen lately a tighter clutch from social media on pornography, for example on Tumblr, and also Instagram is becoming way stricter in the way it faces pornography. Do you think that we are going towards an age of sexual liberation and, at the same time, of inhibition of what pornography represents as a means of expression?

Dr Coates: I think there is a really interesting conversation at the moment about the role of representations of sex. In as much as we might talk about the actual act of sex and engagement of sexual play as being one thing that I think most people tend to be more accepting of now. There is a really interesting question about what the representations of sex do to people and how they think about it. I think it’s quite sad in terms of Tumblr, for example, because that was really a site for a lot of queer cultures and, particularly, kink cultures as well. I can see that as being the removal of a space and I don’t know where it has been replaced just yet.

For me the question is always “What is media for? Who is it for?” and “Is media the site where we try to work out the norms that we want to share or is it the site where we try to work out the fantasies and imaginaries that are possible?” I’m more for the second aspect of that, although there is always a tension between the two, but I respect that some other people see it as the first one.

Marco: Thank you, Dr Coates, for your time and your fascinating lecture. It was a pleasure for us to have you as a guest lecturer here in Ca’ Foscari.

Traduzione in italiano

Il giorno 11 novembre, il Dott. Jamie Coates, della University of Sheffield, ha tenuto una lezione a Venezia intitolata “Sex-plorazioni cinesi contemporanee in Giappone: media, mobilità e genere nel contesto Sino-Giapponese” in un evento organizzato dall’associazione studentesca Ca’ Foscari GESSHIN. Dopo la lezione, lo abbiamo intervistato per capire meglio cosa significhi fare ricerca sul genere e sulla sessualità dal punto di vista di un antropologo.

Marco Zaupa: Si incontrano ostacoli e tabù quando ci si approccia a studi sul genere e sulla sessualità? Sappiamo che questi argomenti vengono spesso accolti da qualche risatina in ambienti non accademici…

Dott. Jamie Coates: Sì, ce ne sono: non credo che sia così difficile ora fare ricerca sul genere, ma se stai lavorando sulla sessualità e parlando in particolare di sesso, allora a volte può essere un po’ spiacevole, ed è un argomento che deve ancora essere trattato con molta attenzione. In particolare, è difficile come uomo cisgender (il cui genere combacia con quello assegnato alla nascita) sposato con una donna, perché molto spesso le persone non si aspettano qualcuno come me nel mio ambito di studi, e anche perché ho fatto ricerca sulla pornografia, ed è una di quelle cose ancora parecchio tabù, su cui si devono ancora vedere molti studi e pubblicazioni. Ho scritto un articolo che include delle immagini pornografiche, perché stavo ricercando come le celebrità del porno sono diverse dagli altri tipi di celebrità, e se avesse a che fare con il loro corpo, e, onestamente, credo che inserire quelle immagini non sia stata forse un’ottima idea. Quindi, direi che su questo si incontrano degli ostacoli.

Gli Studi di Genere, storicamente, sono stati per lo più studi sulle donne, ma fortunatamente i miei professori prima di me esplorarono l’idea di studi critici anche sulla mascolinità, che è il motivo per cui molta della mia ricerca affronta la questione di cosa significhi essere un uomo in Asia orientale oggi, perché dissero: “Per capire davvero il genere, dobbiamo essere critici, e considerare la mascolinità tanto quanto la femminilità”. Quindi credo che in passato sia stato difficile e tabù discutere sugli uomini, ma non penso lo sia ora, grazie al lavoro di altre persone.

Marco: Una domanda che spesso affrontiamo in classe è: “Come possiamo guardare agli studi d’area senza avere un pensiero orientalista?” dal momento che gli studi d’area potrebbero essere considerati “orientalisti” per definizione, riguardando questioni come “In cosa è diverso il Giappone rispetto all’Europa?”. Cosa ne pensa di questo? Crede che gli studi d’area siano orientalisti per natura o c’è altro da considerare?

Dott. Coates: Mi piace molto questo libro chiamato “Asia as Method”, di Kuan-hsing Chen, dove si trova l’idea che noi possiamo pensare al contributo concettuale e teoretico della cultura dell’Asia orientale al modo in cui vediamo il mondo in generale. Nel mio lavoro come antropologo, uso spesso la terminologia originaria del contesto che sto studiando e la terminologia dei pensatori dell’Asia orientale, che penso sia stato la fonte di nuove ispirazioni concettuali. A volte può sembrare orientalista a un primo sguardo, ma ciò che voglio sottolineare è che altri popoli stanno creando teorie: dobbiamo guardare agli studiosi di altri popoli, ma dobbiamo anche considerare il pensiero critico che si sta sviluppando tra le persone comuni del nostro tempo.

Ad esempio, recentemente ho scritto un articolo su come possiamo riconsiderare cosa siano i “media virali”, usando la terminologia di chi parla cinese quando discutono sui media virali. In particolare, in cinese, tendono a usare metafore sul calore invece che sui virus, e invece di dire “Non è strana e unica la Cina?” dico “Come sfida questo il modo in cui pensiamo queste cose in generale?”. Quindi, non si tratta di mettere l’Asia orientale in una scatola laggiù, come speciale e diversa, ma invece di dire che loro sono in dialogo con noi, che dovrebbe sfidare il nostro modo di pensare. Invece di dire “Oh, loro non usano i virus.” dico “Perché noi usiamo i virus? Non è strano? Perché i media dovrebbero essere un virus?” e c’è una storia dietro a questo, negli studi sui media.

Non so se possiamo davvero evitare l’orientalismo, ma penso che possiamo provare a farlo lavorare per noi per creare nuove idee e collegamenti. Penso che dobbiamo ammettere che ci sia sempre una specie di attrazione e di temi ricorrenti orientalisti che scaturiscono dalla difficoltà nel capire le altre persone, che si tratti di chi ho di fronte o di quando immagino gli altri come una cultura diversa.

Marco: Di recente, abbiamo visto una stretta più decisa sulla pornografia da parte dei social media, ad esempio su Tumblr, e anche Instagram sta diventando più severo sulle norme contro la pornografia. Lei pensa che stiamo andando incontro a un’epoca di liberazione sessuale e, allo stesso tempo, di inibizione di ciò che la pornografia rappresenta come mezzo di espressione?

Dott. Coates: Penso che ci sia un dialogo molto interessante al momento sul ruolo che hanno le rappresentazioni di sesso. Potremmo dire, in effetti, che l’atto sessuale in sé e il coinvolgimento in attività sessuale siano cose che la maggior parte delle persone tendono ad accettare oggi. C’è una questione interessante su cosa facciano le rappresentazioni del sesso alle persone e a come esse lo considerino. Penso che sia piuttosto triste il caso di Tumblr, ad esempio, perché costituiva un luogo per molte culture queer, e, in particolare, di culture kink. Io lo vedo come la rimozione di uno spazio e non sono sicuro che sia già stato rimpiazzato.

Per me, la domanda è sempre “A cosa servono i media? A chi servono?” e “I media sono il luogo dove cerchiamo di elaborare le norme che vogliamo condividere o dove vogliamo esplorare gli immaginari e le fantasie che sono possibili?” Io sostengo maggiormente il secondo aspetto, nonostante esista sempre una tensione fra i due, ma rispetto il fatto che certe persone pensino il contrario.

Marco: La ringrazio, Dott. Coates, per il suo tempo per la sua affascinante lezione. È stato un piacere per noi averla come docente ospite qui a Ca’ Foscari.

di Marco Zaupa

Venezia, 11 novembre 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.