The underlying symbolism in Stephen King’s “The Green Mile”

tempo di lettura: 8 minuti Guys, let’s talk. You are probably here for a book review, but I am afraid none is forthcoming. It is an evening of raised visors, so I am admitting fair and square – you have to read the book first. Unless you do, the insightful and altogether wonderful explanation of the symbols provided to you below will make no sense. … Continua a leggere The underlying symbolism in Stephen King’s “The Green Mile”

Gli Oscar di Linea20: A Star Is Born

tempo di lettura: 2 minuti Tell me something girl, are you happy in this modern world? Or do you need more? Is there something else you’re searching for? Sono queste le parole iniziali di Shallow, canzone della colonna sonora del film A Star Is Born, distribuito nelle sale cinematografiche a partire dall’Ottobre 2018. Parole dirette che lasciano intravedere fin dalle prime strofe quell’ossessiva e continua … Continua a leggere Gli Oscar di Linea20: A Star Is Born

M9: un distretto per conoscere il passato e progettare il futuro.

tempo di lettura: 5 minuti La città metropolitana di Venezia, dal 1 Dicembre 2018, può vantare la presenza di un complesso museale dedicato ad uno dei secoli più densi della storia occidentale: il Novecento. Tra i grigi edifici di Mestre e i palazzi contrassegnati dai marchi di catene alberghiere, a pochi passi dal Duomo, si è conclusa infatti la costruzione del distretto M9. Un distretto … Continua a leggere M9: un distretto per conoscere il passato e progettare il futuro.

La Trap in Italia

tempo di lettura: 5 minuti Negli ultimi anni si è diffusa in Italia una nuova corrente musicale alquanto controversa: la “trap”. Nata in America nei primi anni del 2000, consiste in un’evoluzione del rap (“rythm and poetry“), da cui si differenzia soprattutto per le sonorità delle basi musicali che sostengono il parlato, piuttosto minimali e ipnotiche. La diffusione in Germania e in Francia risale al … Continua a leggere La Trap in Italia

Apologia del Bretzel

tempo di lettura: 2 minuti Quella che noi profani possiamo avere dell’universo culinario tedesco non è che un’opinione limitata e distorta: siamo tendenzialmente portati a ridurre il suo orizzonte di gusto a würstel stereotipati e crauti rancidi e asprigni, innaffiati da un’ancor più stereotipata birra. Tuttavia, si dà il caso che in un campo, ristretto ma basilare, la cucina teutonica si elevi ad altitudini inarrivabili … Continua a leggere Apologia del Bretzel